[ Salta al contenuto della pagina ]

Access key definite:
Vai alla pagina iniziale [H]
Vai alla pagina di aiuto alla navigazione [W]
Vai alla mappa del sito [Y]
Passa al testo con caratteri di dimensione standard [N]
Passa al testo con caratteri di dimensione grande [B]
Passa al testo con caratteri di dimensione molto grande [V]
Passa alla visualizzazione grafica [G]
Passa alla visualizzazione solo testo [T]
Passa alla visualizzazione in alto contrasto e solo testo [X]
Salta alla ricerca di contenuti [S]
Salta al menù [1]
Salta al contenuto della pagina [2]

Sezione contenuti:

[ Salta al menù ]

News

Elenco delle comunicazioni pubblicate nel portale negli ultimi 60 giorni. I dati di dettaglio delle procedure oggetto delle comunicazioni sono consultabili selezionando il collegamento "Visualizza Scheda".
La ricerca ha restituito 36 risultati.
10/06/2021
faq nn. 21 - 22 - 23 - 24 e relativi riscontri
Quesito: A pag. 17 del CAPITOLATO DONERI terzultimo capoverso: Nelle attività di installazione sono incluse tutte le azioni ed iniziative finalizzate alla ricognizione del territorio e alla rimozione dei sostegni e della cartellonistica eventualmente esistente. Assodato che il costo per la rimozione degli impianti esistenti è a totale carico dell'aggiudicatario, dal giorno dell'aggiudicazione si potranno rimuovere tutti gli impianti presenti? Nel caso di autorizzazioni ancora in corso di validità il Comune di Bari procederà alla revoca delle stesse o si dovrà attendere la loro scadenza naturale prima di poter procedere alla rimozione degli impianti? Riscontro: Considerato che l'art. 24 del Capitolato speciale d'oneri così recita La localizzazione degli impianti sulle aree pubbliche comunali - a seguito delle autorizzazioni acquisite dall'assegnatario - verrà assentita dal dirigente competente, previa stipula del contratto, con unico provvedimento, costituendo atto abilitativo unico e titolo alla formale installazione degli impianti. La data del rilascio del titolo abilitativo del capoverso che precede individua il momento da cui decorrono tutti gli oneri connessi all'attuazione del contratto. omissis la rimozione sarà, pertanto, possibile solo a seguito del rilascio del suddetto atto abilitativo unico. Considerate le Deliberazioni di Giunta Comunale n. 603 del 04.12.2020 e n. 40 del 22.01.2021, alla data di rilascio dell'atto abilitativo unico tutte le autorizzazioni relative agli impianti pubblicitari su suolo pubblico non avranno più efficacia. Quesito: ART. 8 SOPRALLUOGO Pag. 34 Capitolato Speciale d'Oneri (E fatto espresso obbligo ai concorrenti di eseguire specifico sopralluogo nelle aree interessate dalla concessione ecc) E fatto obbligo effettuare il sopralluogo e dichiarare di essere perfettamente edotto e di non avere pertanto alcun dubbio o perplessità quindi è chiaro che nessun documento verrà rilasciato dal Comune che attesti l'avvenuto sopralluogo? Inoltre nessun sopralluogo congiunto potrà essere richiesto, ma dovrà essere effettuato a propria cura? Riscontro: Come riportato all'art. 9 dell'avviso per procedura selettiva pubblica, ai fini della partecipazione, il concorrente dovrà rendere dichiarazione di aver eseguito specifico sopralluogo nelle aree oggetto di assegnazione in concessione e di essere perfettamente edotto e di non avere pertanto alcun dubbio e perplessità, ai fini della formulazione della propria offerta, sulla consistenza del territorio nel cui ambito sono localizzati gli spazi pubblicitari interessati dall'installazione e sulle attrezzature (eventualmente) fornite in comodato. In detta operazione non è previsto coinvolgimento dell'Amministrazione. Quesito: ART. 7.1 SOSTENIBILITA Sub-criterio A.1 Pag. 31 Capitolato Speciale d'Oneri (Sostenibilità della soluzione prospettata per l'installazione degli impianti nel lotto di riferimento ecc) Si richiedono maggiori dettagli per il subcriterio A1, in quale modo e sulla base di quali elementi verrà attribuito il punteggio considerando che il progetto dovrà essere presentato dopo 45 giorni dall'assegnazione del lotto/lotti? Riscontro: Con riferimento al subcriterio A1 di valutazione dell'offerta tecnica, la tabella esplicativa, reperibile al par. 7.2 del capitolato speciale d'oneri, prevede n. 4 (quattro) parametri di valutazione della sostenibilità della soluzione prospettata per un punteggio massimo di 15 punti. L'attribuzione del punteggio per singolo parametro è demandata alla commissione di gara. Come previsto a pag. 16 del Capitolato speciale d'oneri Le imprese partecipanti alla procedura di assegnazione delle aree dovranno presentare con riferimento al singolo lotto di interesse una apposita relazione tecnico-illustrativa allegata all'offerta (corredata di elaborati grafici e planimetrici necessari), dora in avanti definita Offerta - Tecnica, contenente la descrizione di dettaglio delle installazioni a realizzarsi nelle aree alla cui concessione si concorre omissis . Il termine di giorni 45 dalla comunicazione di assegnazione definitiva ed efficace del lotto funzionale è riferito alla redazione e trasmissione degli elaborati tecnici definitivi resi in coerenza con l'Offerta tecnica, corredati da tutti i pareri e/o le autorizzazioni prescritte per legge. Quesito: ART 5 DEFINIZIONE E PAGAMENTO DEL CANONE Pag. 28 Capitolato Speciale d'Oneri (Il canone complessivamente offerto non potrà risultare inferiore all80% del dato riportato, per ogni singolo lotto, nella successiva Tabella 2 dell'art. 14 del capitolato.) Ciò significa che saranno ritenute valide offerte economiche a ribasso fino all80% rispetto al dato riportato nella tabella 2 dell'art. 14 per ciascun lotto? Riscontro: Come stabilito dall'art. 5 del capitolato, l'ammontare del canone calcolato dall'operatore offerente e accluso all'offerta complessiva di gara dovrà prevedere, come limite minimo possibile per il quantum calcolato, una somma pari all80% del relativo dato di cui alla Tabella 2 dell'art. 14.
S21010 ( Gara )
Procedura Selettiva Pubblica S21010- AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEGLI SPAZI COMUNALI PER INSTALLAZIONE "DEI GRUPPI OMOGENEI DI MEZZI PUBBLICITARI" SU SUOLO PUBBLICO DI CUI ALL'ART. 9 DEL REGOLAMENTO SULLA PUBBLICITA' - SUDDIVISO IN VENTI LOTTI
10/06/2021
faq 19 e 20 e relativi riscontri
Quesito: Con riferimento al contenuto dell'Art. 1 pag. 13 del capitolato speciale d'oneri ed in particolare alla indicazione ivi contenuta Gli elementi di supporto per le affissioni devono corrispondere ad un modello unitario dal punto di vista delle caratteristiche cromatiche, delle finiture, del materiale utilizzato e del design (artt. 20.11 e 24.10 NTA PGIP), si chiede di chiarire cosa si intenda per modello unitario ovvero se ciascun affidatario dovrà realizzare e installare per ciascuna tipologia dimensionale di impianto prevista nel lotto un modello unico e identico per tutti anche cromaticamente e fermo restando le prescrizioni tecniche contenute nelle NTA al PGIP. In caso affermativo tale accordo su un modello unico anche cromaticamente per tutti i soggetti affidatari non potrà che avvenire evidentemente in un momento successivo alla aggiudicazione definitiva/sottoscrizione del contratto. Poiché è altresì previsto all'art. 5 pag. 27 che il pagamento del canone dovrà essere corrisposto all'Amministrazione con le seguenti modalità: ovvero Pagamento del 50% del canone del primo anno di contratto al momento dell'emissione del provvedimento autorizzatorio di cui al successivo art. 24, sembra tale previsione di accordo successivo della tipologia di impianto di difficile accordo con l'avvio della corresponsione del canone nei termini di cui al citato art. 24. Riscontro: Tutte le strutture degli impianti pubblicitari su suolo pubblico devono essere ricondotte ad un modello unitario, le cui caratteristiche, incluse quelle cromatiche, devono essere rispondenti alle prescrizioni delle N.T.A. del P.G.I.P. art. 24 (plance) e art. 32 (cartelloni) e i cui schemi grafici esemplificativi sono riportati all'interno dell'Allegato A alle stesse N.T.A.. Ciò detto non è previsto alcun accordo successivo relativo al modello unitario. Pertanto, come indicato all'art. 1 del Capitolato speciale d'oneri a base di gara, l'assegnazione delle aree e l'esecuzione delle correlate attività di impresa di cui all'art. 2 del citato capitolato, comporta l'onere di corrispondere in favore dell'Amministrazione un canone annuo patrimoniale unico (L. n. 160/2019) per l'impiantistica pubblicitaria installata su aree pubbliche nel singolo lotto assegnato, le cui modalità sono specificate all'art. 5. Quesito: Con riferimento al contenuto dell'art. 25 (obbligo di manutenzione) del capitolato speciale, si legge che L'affidatario ha inoltre l'onere di eseguire con periodicità una ricognizione del territorio a questi assegnato per l'installazione della cartellonistica. Ove l'affidatario verifichi, nel corso delle attività, la presenza di installazioni pubblicitarie effettuate senza titolo l'affidatario medesimo è obbligato a darne comunicazione all'Amministrazione, onde acquisire nulla osta alla rimozione. La rimozione della cartellonistica installata abusivamente su area pubblica dovrà avvenire, entro quarantotto dall'ottenimento del nulla osta dell'Amministrazione, a cura e spese dell'assegnatario senza oneri per l'amministrazione. Si chiede di confermare se tale previsione si riferisca esclusivamente a nuovi impianti senza titolo che l'affidatario rinvenga successivamente all'avvio della concessione. Riscontro: Le attività di contrasto all'abusivismo previste dall'art. 25 del capitolato speciale d'oneri riguardano eventuali installazioni pubblicitarie effettuate abusivamente sul lotto assegnato; ulteriore specifica in merito è fornita dall'art. 1 dello stesso capitolato, in cui si stabilisce che Nelle attività di installazione sono incluse tutte le azioni ed iniziative finalizzate alla ricognizione del territorio assegnato e alla rimozione previo rilievo geometrico dei sostegni e della cartellonistica eventualmente esistente. I relativi oneri, ai sensi dell'art. 15 del D.P.R. 13 settembre 2005 n. 296 e s.m.i., sono da intendersi a totale carico dell'assegnatario degli spazi pubblici per affissionistica pubblicitaria e compensati nell'ambito delle valutazioni proprie del partecipante quali voci di costo per l'esecuzione delle attività pubblicitarie.; tanto al fine di consentire all'aggiudicatario di procedere nelle operazioni di installazione senza motivi ostativi.
S21010 ( Gara )
Procedura Selettiva Pubblica S21010- AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEGLI SPAZI COMUNALI PER INSTALLAZIONE "DEI GRUPPI OMOGENEI DI MEZZI PUBBLICITARI" SU SUOLO PUBBLICO DI CUI ALL'ART. 9 DEL REGOLAMENTO SULLA PUBBLICITA' - SUDDIVISO IN VENTI LOTTI
10/06/2021
AVVISO DI SOSPENSIONE PROCEDURA DI GARA
Con riferimento alla procedura in oggetto, giusta nota prot. n. 150724 del 10.06.2021, il Responsabile Unico del Procedimento comunica che stante la notifica di un ricorso innanzi al TAR Puglia, con contestuale richiesta di sospensione, avverso l'Avviso di Procedura ad evidenza pubblica CD21003, nonché avverso gli atti ad esso collegati, nel rispetto dell'attività del Giudice Amministrativo, del diritto di difesa del ricorrente ed a garanzia degli interessi dell'Ente, è disposta la sospensione dell'attività di gara sino all'esito della valutazione del TAR Puglia riguardo alla richiesta di sospensione. IL DIRIGENTE Avv. Pierina NARDULLI
CD21003 ( Gara )
Procedura telematica CD21003 ad evidenza pubblica per il rilascio di una concessione demaniale marittima con finalità TURISTICO - RICREATIVA della durata di 3 (tre) anni avente ad oggetto aree, manufatti e relative aree asservite site nel Comune di Bari al Lungomare di Cagno Abbrescia (fg. 43 p.lla 2/parte; fg. 44 p.lla 4/parte) facenti parte del compendio denominato Torre Quetta, in esecuzione della Determinazione Dirigenziale Ripartizione Sviluppo Economico POS Commercio n. 2021/263/00185 del 04/05/2021
10/06/2021
Rettifica faq n. 1
A rettifica di quanto rappresentato con la faq n. 1 del 13.10.2020, sentito il Direttore della Ripartizione Infrastrutture, Viabilità e Opere Pubbliche, si specifica che, ai fini del soddisfo dei requisiti di cui all'art 5, sub III.a.2) e sub III.b.3) del Disciplinare Avviso, l'importo da dichiarare dev'essere correlato al compenso percepito in relazione alle attività riconducibili al servizio di ingegneria/architettura di cui all'art. 3, lett. vvv) del codice per cui si chiede l'iscrizione. Il predetto importo dev'essere pari al valore massimo di fascia per cui si chiede l'iscrizione.
E00019 ( Elenco operatori )
Elenco dei fornitori di SERVIZI DI PROGETTAZIONE E TECNICI del Comune di Bari, in esecuzione delle previsioni normative di cui al D.L. n. 76/2020
09/06/2021
PROCEDURA APERTA S21005: AVVISO SEDUTA PUBBLICA
Si allega Avviso seduta pubblica.
S21005 ( Gara )
S21005: "Affidamento in concessione del servizio di gestione del servizio di gestione della palestra comunale denominata "Palamartino"
09/06/2021
Avviso proroga termine presentazione offerte
Si avvisa che, giusta richiesta formulata con nota dal RUP in data 08.06.2021, il termine per la presentazione delle offerte è prorogato dal giorno 22.06.2021, alle ore 09:00, al giorno 20.09.2021, alle ore 09:00. Resta fermo che oltre il termine predetto non sarà ritenuta valida alcun'altra offerta, anche se sostitutiva o aggiuntiva rispetto alla precedente. Non sarà altresì consentito il ritiro del plico oltre il predetto termine di ricezione delle offerte. Si avvisa, altresì, che le operazioni di verifica formale della documentazione prodotta dai concorrenti ai fini dell'ammissione alla presente procedura selettiva pubblica si svolgeranno in seduta pubblica il giorno 20.09.2021, alle ore 09:30 (e non il giorno 22.06.2021, alle ore 09:30) a cura del Seggio a cui è demandato il controllo amministrativo delle istanze pervenute per la selezione pubblica, costituito dal personale della Ripartizione Stazione Unica Appaltante. Resta fermo che le modalità di svolgimento della predetta seduta pubblica, nonché le modalità di collegamento alla stessa da parte dei concorrenti interessati verranno rese note mediante avviso pubblicato, prima della scadenza del termine per la presentazione delle offerte, sul sito internet www.comune.bari.it , raggiungibile nella sezione Bandi di gara e Contratti , sottosezione Gare e procedute in corso, digitando nel campo Titolo la sigla S21010. f.to IL DIRIGENTE Avv. Pierina Nardulli
S21010 ( Gara )
Procedura Selettiva Pubblica S21010- AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEGLI SPAZI COMUNALI PER INSTALLAZIONE "DEI GRUPPI OMOGENEI DI MEZZI PUBBLICITARI" SU SUOLO PUBBLICO DI CUI ALL'ART. 9 DEL REGOLAMENTO SULLA PUBBLICITA' - SUDDIVISO IN VENTI LOTTI
09/06/2021
fAQ NN 13 - 14- 15 - 16 - 17 - 18 E RELATIVI RISCONTRI
Premessa generale del richiedente: Premesso che il CSA all'art. 34 così recita I criteri di posizionamento proposti nell'ambito della procedura concorsuale, in quanto costituenti strumentazione di dettaglio della pianificazione impiantistica, per effetto dell'art. 5 comma 4 (p.to 4.2) del Regolamento sulla Pubblicità (DCC 114/2017), costituiscono esplicitazione attuativa dei contenuti del PGIP e possono contemplare ove necessario nellambito delle scelte di dettaglio effettuate in sede concorsuale l'applicazione delle deroghe alle distanze minime per il posizionamento dei cartelli pubblicitari di cui all'art. 23 comma 6 del Codice della Strada, nel rispetto delle esigenze di sicurezza e di circolazione stradale , e che quindi facendo riferimento unicamente alle distanze minime per il posizionamento dei cartelli pubblicitari, non specifica se nelle predette deroghe rientrino altri aspetti e prescrizioni di carattere tipologico, dimensionale, di posizionamento sui marciapiedi, ecc, ecc, si chiede di fornire risposte ai quesiti che seguono: CHIARIMENTO N. 13 Quesito: Se in presenza di marciapiede di larghezza inferiore a quella indicata nel PGIP possano concedersi deroghe al posizionamento di impianti con riferimento al rispetto della porzione minima di marciapiede da lasciare libero. Nello specifico, si chiede se, in presenza di un cartello posto perpendicolarmente al senso di marcia ad una quota di ml 2.2 dal piano di marciapiede, in base alla norma di cui all'art. 26 lettera d) del PGIP La larghezza del passaggio pedonale e la distanza dal cordolo devono essere calcolate dal limite dell'ingombro effettivo della plancia, la misurazione della porzione libera di marciapiede vada effettuata dal bordo della plancia oppure dal palo di sostegno. Riscontro: Fermo restando il rispetto delle previsioni di capitolato in merito alle tipologie e alle dimensioni (queste ultime nei limiti già precisati in precedente quesito), le progettazioni di dettaglio possono prevedere deroghe agli aspetti di distanze minime di cui all'art. 26 co. 2 delle N.T.A. del P.G.I.P., a condizione che dagli elaborati tecnici della proposta di pianificazione di dettaglio redatta dall'operatore concorrente, emerga la rispondenza alle esigenze della circolazione veicolare del traffico e della sicurezza. CHIARIMENTO N. 14 Quesito: Se la norma di cui all'art. 26 d) del PGIP La larghezza del passaggio pedonale e la distanza dal cordolo devono essere calcolate dal limite dell'ingombro effettivo della plancia sia derogabile all'occorrenza, laddove la presenza del cartello non costituisca ostacolo alla libera circolazione delle persone invalide; Riscontro: Si veda riscontro a chiarimento n. 13. CHIARIMENTO N. 15 Quesito: Se le prescrizioni relative alle distanze dagli incroci siano o meno derogabili e, in caso affermativo, in quale misura; Riscontro: Si veda riscontro a chiarimento n. 13. CHIARIMENTO N. 16 Quesito: Se è possibile installare, in deroga alle prescrizioni del PGIP, impianti tecnologici che presentino basi appoggiate al suolo per tutti i loro spessore e lunghezza (Mupi), aventi dimensioni lorde di cm 135x270 c.a.; Riscontro: Considerato che gli impianti ad alto contenuto tecnologico condizionano le caratteristiche dei supporti, si ritiene che la soluzione prospettata possa essere valutata favorevolmente in sede concorsuale, a condizione che produca un basso impatto visivo e garantisca la salvaguardia del patrimonio architettonico, ambientale ed urbanistico nonché della disciplina del Codice della Strada (artt. 42 e 43 N.T.A. del P.G.I.P.). Resta fermo l'obbligo di rispettare i codici RAL previsti nelle N.T.A. del P.G.I.P.. CHIARIMENTO N. 17 Quesito: Se le posizioni indicate nel bando di gara siano da intendersi vincolanti rispetto al tratto di strada indicato oppure se dette indicazioni possano costituire oggetto di deroga con facenti in capo all'operatore di scegliere il posizionamento su altre strade, purché facenti parte delle stesse sezioni e/o sub- lotti; Riscontro: Le posizioni indicate sono a titolo esemplificativo e non costituiscono vincoli all'esatto posizionamento all'interno della singola sezione. CHIARIMENTO N. 18 Quesito: Si chiede inoltre di specificare in che misura, anche in termini percentuali, possano concedersi deroghe alle distanze dai segnali e/o intersezioni rispetto alle prescrizioni di posizionamento contenute nel PGIP (che a loro volta sono frutto di deroghe approvate dagli organi amministrativi alle norme del CdS). Riscontro: Si veda riscontro a chiarimento n. 13.
S21010 ( Gara )
Procedura Selettiva Pubblica S21010- AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEGLI SPAZI COMUNALI PER INSTALLAZIONE "DEI GRUPPI OMOGENEI DI MEZZI PUBBLICITARI" SU SUOLO PUBBLICO DI CUI ALL'ART. 9 DEL REGOLAMENTO SULLA PUBBLICITA' - SUDDIVISO IN VENTI LOTTI
09/06/2021
faq nn. 10 -11- 12 e relativi riscontri
CAPITOLATO SPECIALE DONERI 34 DEROGHE E RINVIO ALLA NORMATIVA VIGENTE Quesito: Riguardo ai criteri di posizionamento, è prevista la possibilità di derogare alle distanze minime previste dal CdS. Si chiede di esplicitare il tenore di queste deroghe, in termini di minimi e massimi, allo scopo di poter consentire le definizione dell'oggetto di gara e non lasciarlo INDETERMINATO o INDETERMINABILE. Si chiede altresì se la deroga è prevista solo in termini di distanze ovvero anche per altri elementi (formato, dimensioni, ecc.). Riscontro: Fermo restando il rispetto delle previsioni di capitolato in merito alle tipologie e alle dimensioni (queste ultime nei limiti già precisati in precedente quesito), le progettazioni di dettaglio possono prevedere deroghe agli aspetti di distanze minime previste dal Codice della Strada nonché dal PGIP di cui agli artt. 26 co. 2 e 34 co. 2 delle N.T.A. del P.G.I.P., a condizione che dagli elaborati tecnici della proposta di pianificazione di dettaglio redatta dall'operatore concorrente, emerga la rispondenza alle esigenze della circolazione veicolare del traffico e della sicurezza. TAVOLE PDF ALLEGATE AL BANDO Quesito: Dopo aver analizzato i file, è stata notata la mancanza di indicazioni di alcune sezioni per singolo lotto. Esempio: per il file denominato 06 Tav_2_Sezioni non è indicata la posizione 01.10 nella tavola citata. Si richiede quindi la tavola, possibilmente in formato .dwg, con l'indicazione delle posizioni di tutte le sezioni dei lotti. Si aggiunge che, con la documentazione disponibile, non è possibile effettuare sopralluoghi precisi in quanto gli esplosi delle Tavole non consentono una precisa individuazione delle strade. a. Nelle planimetrie spesso gli impianti sono previsti solo in una via. possibile installare, nel rispetto della normativa, impianti in altre vie della medesima sezione anche se non previste dal progetto del Comune? b. possibile, nel rispetto delle norme, prevedere impianti diversi da quelli previsti in planimetria? Riscontro: L'elaborato grafico 06 Tav_2_Sezioni in formato .pdf, è il risultato di un'esportazione da ambiente GIS, in una rappresentazione grafica in scala 1:25.000, che non consente, nell'inquadramento generale dell'intero territorio comunale, di visualizzare tutti i riferimenti relativi alle sezioni di ciascun lotto posto a bando di gara. Pertanto è necessario consultare l'elaborato grafico 11 Schede_A3_unito in formato .pdf, all'interno del quale, a pag. 31/76, è possibile ritrovare la sezione 01.10 la cui etichetta non risulta reperibile nell'elaborato generale per i motivi suindicati. Per facilitare ulteriormente la ricerca di ciascuna sezione si pubblicherà, a breve, il quadro di insieme e l'indice a corredo dell'elaborato grafico 11 Schede_A3_unito. Si evidenzia che gli shape files, relativi agli elaborati grafici allegati alla procedura di gara, sono disponibili insieme alla documentazione di gara, all'interno del sito internet del Comune di Bari, all'indirizzo https://www.comune.bari.it/bandi-di-gara-e-contratti; dagli stessi file .shp è possibile estrarre file in formato .dwg, utilizzando gli opportuni plug-in in dotazione ai software GIS; inoltre sono disponibili online i servizi wms relativi a cartografia, viario, ortofoto del territorio comunale, utili al fine di consentire una precisa individuazione dei luoghi, delle strade, del territorio. La proposta esemplificativa riportata nell'elaborato grafico 11 Schede_A3_unito è una mera guida per la formulazione dei posizionamenti all'interno di ciascuna sezione di un numero di impianti, esclusivamente dei formati consentiti, che concorra al raggiungimento della superficie espositiva massima consentita nella sezione, in ossequio alle indicazioni riportate nel capitolato. Quesito: L'esame analitico dei Lotti richiede molto tempo, e solo al termine dei sopralluoghi (che peraltro andranno eseguiti con la documentazione tecnica disponibile, come da precedente richiesto di chiarimento) sarà possibile valutare se/a quali lotti partecipare. Da lì dovrà essere definita e preparata tutta la documentazione, comprese polizze ecc. Si chiede pertanto di posticipare il termine fissato per la presentazione delle offerte di gara di almeno 60 giorni. Riscontro: L'amministrazione si riserva di valutare la possibilità di prorogare il termine per la ricezione delle offerte, con riscontro che fornirà a breve.
S21010 ( Gara )
Procedura Selettiva Pubblica S21010- AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEGLI SPAZI COMUNALI PER INSTALLAZIONE "DEI GRUPPI OMOGENEI DI MEZZI PUBBLICITARI" SU SUOLO PUBBLICO DI CUI ALL'ART. 9 DEL REGOLAMENTO SULLA PUBBLICITA' - SUDDIVISO IN VENTI LOTTI
03/06/2021
Avviso
Si avvisa che le operazioni di verifica formale della documentazione prodotta dai concorrenti, ai fini dell'ammissione alla gara, riprenderanno alle ore 15:30 della data odierna.
S21008 ( Gara )
PROCEDURA APERTA S21008 PER LAFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA' INERENTI I SERVIZI CIMITERIALI DEL COMUNE DI BARI, PRESSO LA NECROPOLI DI BARI E NEI CIMITERI DELLE EX FRAZIONI: CARBONARA, CEGLIE DEL CAMPO, LOSETO, PALESE, S. SPIRITO E TORRE A MARE
01/06/2021
PRECISAZIONE
Si precisa che in data odierna è stato creato l'apposito spazio per il caricamento del documento "Piano di assorbimento"
S21011 ( Gara )
Procedura aperta S21011 SERVIZIO EDUCATIVO INTEGRATIVO POMERIDIANO ED ESTIVO PRESSO GLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI BARI DA REALIZZARSI MEDIANTE LA CONCLUSIONE DI ACCORDO QUADRO

[ Torna all'inizio ]


adminfun